Decrescita

Le cose nel GULag migliorarono quando i detenuti cominciarono a giustiziare i delatori.

Fu un’epoca nuova, allegra e un tantino paurosa nella vita del lager speciale. In definitiva, non eravamo fuggiti noi, erano fuggiti loro, liberandoci della loro presenza. Epoca inaudita, impossibile su questa terra: un uomo con la coscienza sporca non può più coricarsi tranquillamente! L’ora dell’espiazione non suona nell’altro mondo, non è rimandata al giudizio della storia; è un’espiazione viva, tangibile che alza su di te, all’alba, un coltello. Situazione immaginabile solo in una fiaba: la terra della zona è morbida e tiepida sotto i piedi degli onesti, spinosa e ardente sotto quelli dei traditori! Non si può augurare altrettanto allo spazio oltre la zona, al nostro mondo libero, che mai ha veduto tempi simili, nè forse mai li vedrà. (Solzenicyn, Arcipelago GULag, III)

Era il 1950, il GULag aveva trent’anni, il sistema allo zenit della potenza. Chi ha orecchi per intendere, intenda.

———————————-

E che, ci voleva un Beppe per incentivare la decrescita, quando abbiamo un sistema intero dedicato.

Da luglio sarà esteso il DAco, bolla di accompagnamento vidimata in Comune, anche alla damigianetta dell’ultimo pensionato ansioso di imbottigliare da sè il vino comprato in campagna. In alternativa l’agricolo potrà microfilmare la bolla o inviare in via telematica i dati secondo le specifiche dell’Ente. Mettiamo che l’addetto in Comune sia in mutua, che l’agricolo non sia fornito di telecamera e che i server dell’Ente siano fuori servizio, coincidenza di eventi con una certa probabilità di sussistere, cosa farà il pensionato o il trasportatore? Fissera’ il panorama, in attesa che lo stallo si sciolga. O pagherà la damigianetta in nero. O manderà tutti a cagare. Taxation by regulation, trasferimento di reddito dal produttore al sindacato, dal prigioniero numerato agli amici degli amici.

Ricevo un avviso della Corte d’Appello con il ricalcolo della Tassa Rifiuti, mi addebitano 23 mq in più. Il ricalcolo è retroattivo di cinque anni, più mora più sanzione del 100%. Totale 5000 e rotti euri. Quest’anno pagherei 10000 euri di Rifiuti, io che riciclo il vetro! Chiamo l’Ufficio, l’impiegata mi spiega che dovrò andare in Catasto con la delega e la fotocopia della carta d’identità del padrone di casa. Uh, un mucchio di tempo da perdere, faccio io. Ma lei sarà ben pagato per fare questo, no? fa lei. Per fare questo? Ma dove vive? faccio io. Certo che non vivo dove sta lei, fa lei. Occhio impiegata, che la terra dove posi i piedi non ti diventi spinosa e ardente.

Egregio Sig. Sindaco, si tenga pure i servizi e voglia assecondare la mia secessione. Preferisco essere taglieggiato dalla mafia, essa tutelerà la mia sopravvivenza meglio del Comune, che mi vuole morto.

E quel cliente che arriva con la Panda 4×4. Ha venduto la sua Mercedes 3000, stanco di essere fermato per sapere con quali redditi si permetteva. Racconta dell’amico dentista che gira tenendo nel cruscotto 1) verbale del primo accertamento, 2) dichiarazione dei redditi, 3) atto d’acquisto. Per rilanciare le vendite sai cosa penseranno? Incentivi.

E C. a Calamandrana che mi fa il resoconto annuale. Sono passati tutti, ASL, RepFro, NAS, Valore Italia, Forestali, in totale 11200 euri di multe. 1500 per l’HACCP compilata male, quando per non avere il registro la multa è di 500. Appena se ne sono andati, ho buttato il registro nel putagé, mi conveniva.

E quel cliente che ha messo il patrimonio in un casale toscano e volle fare una piscina per le tre camere e si trovò a dover rispettare la stessa normativa di una piscina olimpionica in cui si tuffano 5000 persone al dì.

E…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>